29 piazzale Filippo il macedone, 00124 Comune di Roma RM

SEMPRE MENO MATRIMONI

 

 

mimmo fontanella_n

Colpevoli di aver studiato.
Quando il futuro è appeso ad un filo sottilissimo fatto di milioni di speranze frustrate dall’incertezza del domani. Cronaca ‘cronica’ dello stato di tanti giovani come me che, nonostante le lauree, i master, le qualifiche varie “arrangiano” o meglio “tirano a campare”. Noi figli di quella generazione perduta per i quali la casa, i figli, la famiglia come l’hanno inseguita e raggiunta i nostri genitori appare sempre più essere un miracolo. Già ’o miracol, quello che a Napoli, ancor più che nel resto del paese, appare essere il solo elemento da invocare, l’unico capace di dare speranza a quei tanti che dopo una vita spesa tra le pagine dei libri sono adesso costretti nelle morse del precariato. La chiamano flessibilità, mobilità, razionalizzazione della forza lavoro. Già lavoro. Ma quale? Quello mascherato da pseudo sfruttamento dei call center, quello di lunghe gavette simili a tunnel senza uscita o quello dei tanti, troppi corsi di formazione, l’ultima carta della nostra fantapolitica che allatta i suoi figli al seno dell’ipocrisia e del raggiro. Il lavoro, quello vero, quello della dignità descritta nell’articolo 1 della nostra Costituzione in Italia è poco, pochissimo, ormai ridotto al lumicino. I giovani sono aiutati dai loro genitori, i genitori gravati dalla crisi economica. Il paese nella morsa della recessione dalla quale non si vede via d’uscita. Niente lavoro, niente futuro quindi nessuna dignità. Perché un uomo che non lavora è un personaggio ‘monco’ al quale la linfa vitale è stata succhiata via. Siamo della generazione di quei ‘fantastici anni Ottanta’, sono passati ormai trent’anni e le speranze sono ormai corrose come quel lavoro sempre più miraggio in questo deserto ormai chiamato Italia.
                                                                                                                                                                                                                             Stefano Di Bitonto,  Napoli  05  marzo 2013