29 piazzale Filippo il macedone, 00124 Comune di Roma RM

RICONOSCIMENTI

americas-cup-napoli-mimmofontanella-47

AMERICA’S CUP Napoli 2013, Fotografo Ufficiale, curatore del redazionale Soluzioni Omnia Media Verona per l’ORACLE USA.

QIP qualified Italian photographer, fotografi famosi Napoli
CULTURAL CLASSIC Premio Arte per il miglior fotografo da reportage 2011

AWARD LIBRO per la categoria Social/Reportage. Bruxsels 2007

AWARD LIBRO per la categoria Social/Reportage. Orvieto fotografia 2007

AWARD PHOTO LIBRO per matrimoni, per la categoria Migliore novità. Orvieto fotografia 2007

BRONZO per il Social/Reportage, Orvieto fotografia 2006SPECIAL MENTION per la fotografia da matrimonio, Orvieto fotografia 2005

CALENDARIO PIRELLI 2001, selezionato come fotografo Italiano da Stuart Chapman, London 2000

CALENDARIO TUTTOSPOSI 1999 firmato MIMMO FONTANELLA

FOTOGRAFO UFFICIALE TuttoSposi dal 1995 al 2007

FOTOGRAFO UFFICIALE TuttoSposi 2014

 

Ieri a Posillipo con l’ex portiere della Puteolana,
ANNA LISA MINETTI, NOZZE A SORPRESA CON UN NAPOLETANO
Matrimonio a sorpresa a Napoli, nella chiesa di Sant Antonio a Posillipo, per Annalisa Minetti, la vincitrice di San Remo 1999 si sposata con Gennaro Esposito, 28 anni, ex portiere della Puteolana e da pochi giorni in forza alla squadra del Martina Franca.
Dovevano essere nozze blindate, la Minetti che aveva ceduto il servizio fotografico ad un settimanale e al fotografo Mimmo Fontanella, è addirittura entrata in chiesa coperta da un lenzuolo bianco con cui parenti ed amici l’anno protetta dai flash, ma un paparazzo è riuscito a confondersi tra gli invitati e a rubare qualche foto prima che lo sposo se ne accorgesse. A quel punto la cerimonia è stata sospesa e l’indesiderato ospite allontanato. Alla fine però, ha prevalso il buon senso e il fotografo ufficiale Mimmo Fontanella che ha distribuito alcuni scatti alla stampa, che comunque è stata tenuta fuori dal ricevimento svoltosi più tardi a Villa Cilento a Posillipo…

ANSA 8 giugno 2002 pubblicato IL MATTINO

__________________________________________________________________________________________________________________

CALENDARIO TUTTOSPOSI 99 firmato MIMMO FONTANELLA
Anche a Tutto Sposi 99, la più completa rassegna italiana sul matrimonio, in programma fino a domenica 17 gennaio alla Mostra d’Olremare, ha il suo calendario. Non si tratta di una sfilata di modelli ne di immagini di top model, il calendario Tutto Sposi firmato Mimmo Fontanella, persentato dall’Onorevole Maria Pia Fanfani, è un viaggio attraverso le immagini più suggestive e originali tra vita vissuta e matrimonio, con un occhio particolare alla tradizione meridionale.
Olre trenta immagini, rigorosamente in bianco e nero, sono esposte al padiglione 2 della rassegna.
Intanto in attesa dell’ arrivo delle star televisive Valeria Marini e Melba Ruffo, per il gran finale di Tutto Sposi ( 40 mila i visitatori per i primi 4 giorni di rassegna ), il pubblico napoletano sta tributando un personale successo alla giovane atrrice Francesca Rettondini… Comunicato stampa ANSA del 13 gennaio 1999.

__________________________________________________________________________________________________________________

mimmo_fontanella_premi_11

MIMMO FONTANELLA, Mostra fotografica di un professionista
LE FOTO CON L’ANIMA
Persi tra i tanti padiglioni della mostra d’Oltremare con le loro mille offerte per l’organizzazione di una cerimonia da favola, ad un tratto si è inevitabilmente catturati da una serie di foto sistemate ad arte ad entrambi le pareti di una sala. Si tratta della mostra di Mimmo Fontanella, fotografo ufficiale di Tutto Sposi e di quanti credono che un matrimonio debba essere fotografato con una certa classe.
I soggetti sono tutti tratti da scene di matriminio ma nessuno prevede una classica messa in posa. Quelli che Fontanella sa scegliere sono attimi in cui si riesce a intravedere la personalità della persona fotografata. E’ quasi come se la foto riuscisse a mettere a nudo l’anima del soggetto rivelandone fantasie ed emozioni…

__________________________________________________________________________________________________________________

PREMIO NAPOLI CULTURAL CLASSIC 2011
MIGLIOR FOTOGRAFO 2011
L’undicesima edizione del prestigioso premio “Napoli Cultural classic” si è aperta con un solenne inno di Mameli cantato dal giovane tenore Giuseppe Gambi nel teatro Umberto di Nola. Tutte le eccellenze della musica, della letteratura, del giornalismo, del teatro, dell’economia, dell’arte, della musica, della danza, della fotografia si sono susseguite sul palco stringendo l’angelo alato, l’ambito premio.
L’attrice Sarah Maestri, madrina dell’evento, è stata affiancata da Margherita Napolitano e dal giornalista Antonio Russo. Per la sezione scrittura, miglior opera inedita del 2011, è stato premiato Vittorio Sgarbi
Per la sezione fotografia, con il tema “C’è vita in città” vince il premio come miglior fotografo 2011 Mimmo Fontanella. Sul maxischermo allestito in fondo al palco per l’occasione si sono suseguite immagini inedite di San Pio da Pietralcina alternate a immagini di conflitti come quello esploso in Libia.
A ricevere il premio anche tante autorità: il Capo della Polizia di Stato, Antonio Manganelli, il Vincenzo Lanni per il miglior saggio nella sezione giuridica, il Preside dell’Università “Parthenope” di Napoli, il Prof. Federico Alvino, come miglior economista il soprano Cecilia Gasdia, il direttore de “Il Mattino”.
Esilarante sul palco Francesco Paolantoni, impegnato a teatro con Shakespeare. L’Attore ha scherzato dicendo: “E’ questo il bello del nostro mestiere. Quando fai l’attore drammatico ricevi un premio come miglio attore comico!”. A premiare Paolantoni è stata l’attrice Emanuela Tittocchia, premiata anche l’attrice Benedetta Valanzano, dopo il successo della trasmissione Rai “Ballando sotto le stelle”. Numerosissimi i talenti premiati da questa edizione.

__________________________________________________________________________________________________________________

FONTANELLA RE DEL CLIK
Abile fotografo affiancato dall’ operatore film Gino Perna, di Tutto Sposi ancora una volta si è proclamato Mimmo Fontanella che grazie ad una spiccata sensibilità riesce sempre a vedere al di là dei personaggi cogliendo quella che può essere l’immagine più vera. Riguardo al suo lavoro, abbiamo avuto modo di scambiare qualche battuta che ci hanno rilevato un personaggio soprattutto vero.
D. Allora Mimmo, cosa si prova a fotografare tante star famose come quelle che ogni anno si propongono a Tutto Sposi…
R. Quando sono dietro all’obbiettivo, per me non esiste un personaggio famoso. Quello che diventa importante è uno sguardo, un sorriso, un atteggiamento… e questi possono essere colti da qualsiasi persona.
D. Quindi non esiste una tecnica particolare per l’acchiappa Vip…
R. Assolutamente no! Un buon fotografo deve solo preoccuparsi di infrangere quel muro fra chi fotografa ed il soggetto fotografato e spesso un soggetto inesperto può dare molta più soddisfazione rispetto a modelli professionisti.
D. Quale consiglio daresti per una perfetta messa in posa…
R. Forse proprio quello di non mettersi in posa. L’atteggiamento deve essere più naturale possibile e sta al fotografo saper cogliere quello che può essere il momento migliore per scattare.
D. Cosa cerchi di esprimere con le tue foto?
R. In genere immedesimo ogni situazione con un colore, cerco allora, di rendere tutto il bianco della purezza che mi ispira un volto, il verde dell’ottimismo e di un occasione piacevole il rosso dell’amore e della passione…

__________________________________________________________________________________________________________________

Premio AWARD la migliore novità

Per Mimmo Fontanella, ogni matrimonio ha una storia. E’ il suo modo di raccontarla diventa un album fatto a libro davvero molto particolare dove le immagini si susseguono stampate come in un prezioso volume.
Le foto possono arrivare anche a trecento, al contrario del commerciale che ha una capienza massima di cento fotogrammi, è diviso a capitoli tematici e racconta tutto cio che circonda i nostri valori, i nostri affetti. Ecco perchè viene considerato come un vero e proprio libro, infatti esso va al di là del semplice ricordo esprimendo contemporaneamente una vera e propria forma d’arte. Il prodotto è stato presentato ad Orvieto Fotografia nel 2007 nella rassegna mondiale della fotografia ricevendo il premio Award come migliore novità.