29 piazzale Filippo il macedone, 00124 Comune di Roma RM

io vorrei trovar pace!

Navigando nella storia della nostra Napoli, tra le tante ho notato una poesia del grande Eduardo De Filippo, la quale mette in mostra l’esatto spirito umano, che accompagna ogni giorno, usando anche un poco di ironia, il motore della nostra “vita“.

La poesia ha per titolo; IO VULESSE TRUVA’ PACE.
Io vulesse truvà pace; ma na pace senza morte. Una, mmiez’a tanta porte, s‘arapesse pè campà ! S‘arapesse na matina, na matina ’e primmavera, e arrivasse fin’’a sera senza dì: “nzerràte llà!” Senza sentere cchiù ‘a ggente ca te dice: “io faccio….io dico”, senza sentere l’amico ca te vene a cunziglià. Senza sentere ‘a famiglia ca te dice: “ma ch’ ‘e fatto?” Senza scennere cchiù a patto c’ ‘a coscienza e ‘a dignità. Senza leggere ‘o giurnale… ‘a notizia impressionante, ch’ è nu guaio pè tutte quante e nun tiene che ce fa. Senza sentere ‘o duttore ca te spiega a malatia… ‘a ricetta in farmacia… l’onorario ch’jà pavà. Senza sentere stu core ca te parla ‘e Cuncettina, Rita, Brigida, Nannina… Chesta sì… chell’ata no. Pecchè, insomma, si vuò pace e nun sentere cchiù niente, jà sperà ca solamente vene ‘a morte a te piglià? Io vulesse truvà pace; ma na pace senza morte. Una, mmiez’a tanta porte, s‘arapesse pè campà ! S‘arapesse na matina, na matina ’e primmavera, e arrivasse fino ‘a sera senza dì: “nzerràte llà!”
“Eduardo de Filippo”